CLICCA QUI PER TORNARE AL SITO DELLA PARROCCHIA

Scuola Materna Paritaria "S. Bartolomea Capitanio"
Via Rio Cimetto, 28 – 30174 Mestre (VE)
Tel 
041.912.347 - Fax 041.544.8847 
e-mail:
asilosbc@libero.it 
Codice Fiscale: 9001569 027 5 - Partita Iva 0315817 027 8

Responsabile e Coordinatrice: Suor Juliana Labaro

SCUOLA MATERNA: INIZIATE LE ISCRIZIONI, ECCO IL NOSTRO "OPEN DAY" VIRTUALE! 

Sono iniziate le iscrizioni alla scuola Materna per l'anno scolastico 2021 - 2022. Per motivi di sicurezza invitiamo i genitori interessati a contattare la scuola telefonicamente allo 041.912.347 (in orario di ufficio) o via mail scrivendo ad asilosbc@libero.it. In considerazione del particolare momento che stiamo vivendo, per venire incontro alle famiglie dei bambini, la Parrocchia ha deciso di mantenere invariata sia la quota annuale di 900€ (90 mensili) nonostante gli oneri e i maggiori costi che la scuola deve sostenere anche in considerazione delle prescrizioni Covid (sanificazioni, materiali, tamponi del personale, eccetera), sia il buono mensa (invariato a 4 Euro). Rimane invariato anche il costo dell'iscrizione che si prega di versare direttamente in segreteria al momento della consegna della domanda di iscrizione. Per descrivere al meglio la struttura abbiamo realizzato un "Open day virtuale" in collaborazione con la nostra Redazione: la coordinatrice Sr. Juliana - che ringraziamo per la sua consueta disponibilità, attenzione e cortesia - ci guida alla scoperta degli spazi e di come sono organizzate le giornate dedicate ai Vostri bimbi. Il video è stato girato nel pieno rispetto delle regole anticontagio. Se vi occorrono altre informazioni, in questa pagina ospitiamo il regolamento della scuola, il piano formativo triennale, il regolamento della privacy. Per ogni altra informazione, contattateci. Buona visione!

DESCRIZIONE DEGLI SPAZI


Spazio per l’accoglienza ed il commiato;
Spazio per attività guidate e gioco libero;
Salone per il grande movimento;
Aula per attività promiscue;
Stanza per il riposo pomeridiano;
Ampio giardino con giochi ed altalene, ombreggiato;
Recinto munito di protezione;


PERSONALE

Sono presenti tre Insegnanti e due Ausiliari. Il personale è in possesso dei titoli di studio previsti dalla vigente normativa. Viene assicurata la funzione di coordinamento del Servizio ricoperta da personale qualificato (Coordinatore Pedagogico). Si svolgono altresì attività motoria e danza.

ORARI

Gli orari del servizio vanno dalle 8:00 alle 16:00, nei giorni feriali dal lunedì al venerdì, da settembre al 30 giugno con chiusure stabilite annualmente dal calendario scolastico regionale. E’ previsto il servizio di entrata anticipata (antergazione). E' presente il servizio mensa, svolto mediante una struttura esterna certificata e controllata di ristorazione collettiva.

INFORMAZIONI SULLA SCUOLA

La Scuola Paritaria per l'infanzia "Santa Bartolomea Capitanio" si trova a Mestre, in Via Rio Cimetto 28. E' di proprietà della Parrocchia Santa Barbara ed è gestita dalla Parrocchia. Legale rappresentante è il Parroco, Don Guido Scattolin, e coordinatrice è Suor Juliana Labaro. La ricettività complessiva è di 84 bambini, suddivisi in 3 sezioni. Le età di inserimento nella scuola sono comprese tra i 3 e i 6 anni. Si possono iscrivere come “anticipatari” i bambini che compiono i 3 anni di età nel periodo compreso da gennaio al 30 aprile dell’anno solare successivo, qualora Vi sia disponibilità di posti.


LA STRUTTURA E LA SICUREZZA

La struttura è stata ristrutturata, ed è curata nei minimi dettagli per garantire locali accoglienti e muniti di tutti gli accorgimenti atti a grantire la totale sicurezza dei bambini ed è videosorvegliata.

OBIETTIVI

La Scuola si propone di promuovere e valorizzare il bambino, nell'ambito di un percorso studiato insieme alla famiglia per garantire a tutti i bambini pari opportunità, insegnare il rispetto delle diversità, libertà e solidarietà, far sentire accolta la famiglia, accompagnando ogni bambino nel passaggio dalla scuola dell’infanzia alla primaria.

PROGRAMMA DELLA GIORNATA

08:00 - 09:00 accoglienza;
09:00 - 11:30 gioco libero ed inizio attività strutturate;
14:00 - 15:30 riordino, merenda e pratiche igieniche;
15:30 - 16:00 gioco libero o strutturato e uscita.

ISCRIZIONI


Gli interessati possono rivolgersi alla Scuola Paritaria per l'Infanzia "Santa Bartolomea Capitanio - via Rio Cimetto, 28 a Mestre. tel. 041.912.347. (Fax: 041.544.8847 - indirizzo mail: asilosbc@libero.it.) Le iscrizioni si effettuano preferibilmente via mail e l'indirizzo è necessario all'Agenzia delle Entrate per far avere la fattura dei pasti) indicando un numero di telefono da contattare e il nome del genitore cui verrà intestata la fattura. La retta richiesta è di € 90 mensili (anno composto di 10 mesi), con possibilità di scelta tra scuola a mezza giornata o a giornata intera. Dovrà essere fornita fotocopia di un documento con foto delle persone autorizzate a ritirare il bambino oltre ai genitori.

PER ARRIVARE

Alla struttura si accede da via Perlan: si imbocca la diramazione a fianco del supermercato "In's" che conduce nella via Rio Cimetto, pedonalizzata all'altezza della scuola. E' disponibile un parcheggio pubblico (fronte centro civico Manin), raggiungibile anche il giovedì (giorno di mercato).  

PIANO TRIENNALE DELL'OFFERTA FORMATIVA 2019 - 2022 (aggiornato 2020) Ai sensi dell'Art. 1 - 14, Legge 107/2015

REGOLAMENTO DELLA SCUOLA

1 - ISCRIZIONE. L' iscrizione avviene presso la scuola previa presentazione di domanda scritta, redatta su modulo fornito dalla scuola stessa e contestuale versamento della quota di iscrizione. Si chiede, da parte dei genitori, la certezza della frequenza dei bambini poichè il loro ritiro immotivato porterebbe ad un danno economico alla scuola con preclusione ad altre famiglie interessate al nostro servizio. N.B: la quota d'iscrizione, in caso di rinuncia alla frequenza, non verrà restituita. 2 - RETTA. La retta annua è confermata in € 900,00 (novecento/00) per l'intero anno scolastico e può essere frazionata in rate mensili (€ 90), da pagarsi entro il giorno 10 di ogni mese; in contanti presso la scuola o a mezzo bonifico bancario sul ns. c/c presso la Banca Popolare dell' Alto Adige - agenzia di Chirignago. Il codice IBAN da utilizzare è il seguente: IT 47 K 05856 02046 10857 00121 10. Ai fini fiscali ricordiamo che è detraibile sono il versamento effetuato a mezzo banca. La rata di giugno dovrà essere pagata entro il mese di maggio. 3 - MENSA. La scuola utilizza un servizio esterno di catering (controlli eseguiti dall'Asl 3 Terraferma Venezia). Per usufruire dei pasti è previsto il preventivo acquisto di buoni mensa del costo di € 4,00 ciascuno (normalmente in blocchetto da 10 tagliandi). Il giorno dell'utilizzo il predetto buono dovrà essere depositato all' ingresso della scuola con indicato la data ed il cognome e nome del bambino. Il buono deve essere depositato entro le ore 09,00 poiché il numero dei pasti deve essere comunicato alla ditta fornitrice entro tale orario. 4 - ORARI. L'orario di entrata alla scuola è dalle 08.00 alle 09.00; l'orario di uscita è suddiviso in 3 fasce: dalle 11.30 alle 11.45 per i bambini che non mangiano a scuola (si raccomanda di rispettare tale orario al fine di permettere un regolare svolgimento del servizio mensa); dalle 13.15 alle 13.30 per i bambini che non frequentano la scuola al pomeriggio; dalle 15.30 alle 16.00 uscita generale. 5 - ACCESSO ALL' INTERNO DELLA SCUOLA. Di norma è acconsentito per il solo accompagnamento, dei bambini, in entrata ed in uscita ed in ogni caso non si può accedere al cortile con mezzi meccanici. Eventuali biciclette vanno condotte a mano. Si raccomanda di attenersi, in questo periodo di pandemia, ai comportamenti indicati dalle Autorità Sanitarie: in particolar modo si raccomanda di non soffermarsi negli ambienti scolastici. 6 - ABBIGLIAMENTO. I bambini devono indossare abbigliamento di uso pratico e facilmente lavabile (questo per dare loro massima libertà di movimento e partecipazione all' attività didattica come ad esempio colorazione, lavoretti con la carta, ecc..) Direzione e genitori possono concordare l' acquisto (a carico della famiglia) di tute che sarebbero della massima praticità e renderebbe omogeneo l'abbigliamento. 7 - ASSENZA PER MALATTIA, INFORTUNIO ETC. Se l' assenza supera i 5 giorni consecutivi (comprensivi cioè del sabato e della domenica), il bambino potrà rientrare a scuola solo previo consegna di certificato medico. In caso di sospetta malattia contagiosa i genitori devono avvisare la Direttrice Didattica. 8 - VACCINAZIONI. Si rinvia a quanto previsto dalle vigenti disposizioni di legge. 

INFORMATIVA SULLA PRIVACY DELLA SCUOLA (aggiornata al 18.1.2021)

VERS. 2021
Gentile/i Signore/a/i,

desideriamo informarLa/vi, ai sensi dell'art. 13 el Decreto Legislativo 20 Giugno 2003, n.196 "Codice Privacy" e Regolamento ue 679/216, che le informazioni ed i dati da Voi forniti o altrimenti acquisiti nell'ambito del rapporto, saranno oggetto di trattamento nel rispetto delle disposizioni sopra mezionate e degli obblighi di riservatezza che ispirano l'attività della Scuola dell'Infanzia "Santa Bartolomea Capitanio". Per trattamento di dati personali intendiamo qualunque operazione, o complesso di operazioni, effettuate anche senza l'ausilio di strumenti elettronici, concernente la raccolta, la registrazione, l'organizzazione, la conservazione, la consultazione, l'elaborazione, la modificazione, la selezione, l'estrazione, il raffronto, l'utilizzo, l'interconnessione, il blocco, la comunicazione, la diffusione, la cancellazione e la distruzione di dati, anche se non registrati in una banca dati.

Secondo le norme del Codice, i trattamento effettuati dalla Scuola dell'Infanzia "Santa Bartolomea Capitanio" di Mestre saranno improntati ai principi di correttezza, liceità e trasparenza, nonchè di tutela della Vostra riservatezza e dei Vostri diritti. Nella nostra struttura sono in vigore procedure operative che coinvolgono tutti gli operatori, siano essi adibiti a mansioni amministrative, didattiche o ausiliarie. Fra i dati personali che Le/Vi vengono richiesti per la compilazione della scheda personale, sono presenti quelli rientranti nel novero dei "dati sensibili' di cui agli articoli 4, comma 1 e 26 del Codice ed in particolare le informazioni riguardanti la salute del bambino. La presenza di queste informazioni ci porta ad applicare severe e vincolanti norme di comportamento alle quali tutto il personale deve attenersi. Ai sensi dell' articolo 13 del Codice, i dati relativi alle iscrizioni alla scuola dell'infanzia sonoraccolti per le finalità connesse all'iscrizione e all'erogazione del servizio di refezione scolastica e verranno utilizzati, con modalitàanche automatizzate, solo per tale scopo. Vi forniamo quindi le seguenti informazioni:

1) I dati personali e le informazioni riguardanti il bambino ed i componenti del nucleo familiare vengono richiesti al fine di: a) gestire nel miglior modo possibile l'inserimento del bambino nella nostra struttura educativa; b) valutare il livello di autonomia personale del bambino; c) organizzare le attività nelle quali il bambino verrà inserito (interne ed esterne: gite, visite); d) essere in grado di rintracciare un adulto in caso di necessità (numeri di telefono, indirizzi email); adempiere agli obblighi amministrativi (emissione di ricevute di pagamento); 2) Il conferimento di dati e delle informazioni richieste è obbligatorio per il perseguimento delle finalità descritte al punto 1). 3) Alcuni dati, anche sensibili, potranno essere comunicati, cioè trasmessi ad un soggetto determinato, solamente se tale comunicazione risulti necessaria al perseguimento delle finalità descritte al punti 1). Per queste comunicazioni è necessario raccogliere il Vostro consenso. La mancanza del consenso porterebbe all'impoissibilità di operare nell'interesse del bambino. Per le operazioni indispensabili per la tutela della salute del bambino stesso ci considereremo comunque autorizzati ad operare senza limitazione alcuna. A titolo di esempio indichiamo, fra gli ambiti di comunicazioni possibili: a) Enti pubblici che abbiano titolo per richiedere l'invio di dati o informazioni (Comuni, Ufficio Scolastico Provinciale e Regionale, Asl, assistenti sociali); b) personale medico, paramedico o amministrativo di strutture sanitarie impiegato in attività di controllo, di prevenzione o di assistenza; c) compagnie di assicurazione, periti o altri soggetti coinvolti nella definizione di pratiche di rimborso a seguito di infortuni; d) società di servizi amministrativi o di controllo della qualità dei servizi oggetto della nostra offerta; e) FISM (Federazione Italiana Scuole Materne) a cui siamo associati4) I dati non saranno comunicati ad altri soggetti (tranne quanto previsto al punto successivo, né saranno oggetto di diffusione, ad esempio a mezzo web o materiale divulgativo delle attività dell anostra struttura, senza il vostro preventivo consenso scritto e saranno trattati su supporto cartaceo e/o informatico da inaricati appositamente nominati. 5) Per la gestione delle attività viene utilizzata una procedura informatizzata che prevede il posizionamento dei dati presso un portale web gestito da un autonomo Titolare che opera in qualità di responsabile dei Trattamenti esterni attenendosi alle misure di sicurezza da noi richieste. 6) In caso sia necessario che veniano a conoscenza di vincoli di qualsiasi natura dei quali si debba tenere conto nelle attività nelle quali il bambino potrà essere inserito, voi siete pregati di darcene comunicazione con le modalità che vi verranno indicate. 7) Durante le attività che verranno effettuate nel corso dell'intero percorso formativo verranno prodotte, a cura del personale insegnante, valutazioni, relazioni, schede didattiche, che potranno contenere riferimenti, dati o informazioni relative al bambino/a, Questi materiali confluiranno, unitamente al materiale prodotto durante le attività, nel fascicolo personale che accompagnerà il bambino nei suo percorso scolastico. Relativamente a questa documentazione, vi comunichiamo che: a) al termine il fascicolo verrà consegnato alla famiglia; b) una copia del fascicolo potrà essere consegnata alle insegnanti della scuola successiva nella quale il bambino verrò inserito; c) una copia verrà conservata presso la nostra struttura al fine di documentate l'attività svolta. Questa conservazione potrà avvenire soltanto con il suo consenso esplicito. La documentazione che ci autorizzerò a conservare verrà tenuta in archivi appositi, accessibili soltanto sotto il diretto controllo del Responsabile dei Trattamenti. 8) Durante le attività è possibile che vengano effettuate riprese video o scatti fotografici al fine di documentare quanto svolto.Nella maggior parte dei casi questa è una necessità didattica, in altri casi documentale. In ogni caso, l'ambito di diffusione delle immagini è esclusivamente interno e funzionale alle finalità descritte al punto 1). 9) In caso si verifichi la necessità di utilizzare le immagini in ambiti più generici o indeterminati, ad esempio pubblicazioni o proiezioni pubbliche, vi verrà chiesto un apposito consenso. 10) Secondo un pronunciamento del Garante della Protezione dei Dati Personali informiamo che è possibile effettuare riprese o fotografie da parte dei familiari dei bambini frequentanti la scuola, purché durante occasioni pubbliche di feste, ricorrenze, o attività aperte e purché le immagini non siano destinate alla diffusione o ad un uso commerciale, ma solo ad un uso familiare. 11)  Vi verrà chiesto di indicare i nominativi di altre persone autorizzate al ritiro, al termine dell'orario scolastico, dell'alunno/a. L'elenco, a cui verranno allegate le fotocopie dei documenti d'identità, potrà essere aggiornato in qualsiasi momento, mediante una vostra comunicazione scritta e firmata. Il foglio di delega al ritiro del bambino/a deve essere firmato da entrambi i genitori. Su tale documento non sono ammesse cancellazioni, abrasioni, modifiche in corrispondenza dei nominativi delle persone autorizzate a prelevare il bambino/a all'uscita della scuola. L'autorizzazione al ritiro solleva la Scuola da ogni responsabilità civile o penale per eventi o incidenti che possono accadere.

Titolare per il trattamento dei dati da voi forniti è la scrivente: Scuola dell'Infanzia "Santa Bartolomea Capitanio, via Rio Cimetto, 28 - 30174 Mestre (Ve), tel. 041912347, nella figura del legale rappresentante Perini Don Valter. Responsabile dei trattamenti è LABARO Suor JULIANA al quale potrete rivolgersi, presso i recapiti della scrivente per esercitare i diritti previsti dall'articolo 7 che la legge vi riconosce: accesso, aggiornamento. Vi ricordiamo che potrete sempre rivolgervi all'Autorità di Controllo per proporre un reclamo sul sito: www.garanteprivacy.it. I dati saranno conservati presso la sede del Titolare, per al massimo sei anni dopo l'ultimo anno di scuola del bambino. Vi informiamo altresì che tali dati saranno raccolti, trattati e custoditi nel pieno rispetto di quanto previsto dagli articoli 31 e seguenti del Codice della Privacy e dal Disciplinare Tecnico - Allegato B al Codice - in materia di misure di sicurezza. I dati saranno inoltre trattati nel pieno rispetto delle norme di autoregolamentazione in materia di trattamento dei dati personali contenute nei Codici Deontologici di settore in vigore.

Mestre, 7/1/2021
Scuola Materna Parificata Santa Bartolomea Capitanio
Il Titolare del Trattamento - Legale rappresentante
Perini don Valter

 RIAPERTI I CENTRI ESTIVI: UNA MAESTRA RACCONTA...  

Dopo esattamente 129 giorni, finalmente la nostra scuola dell'infanzia ha ripreso vita: i bambini sono tornati a ridere, a correre e a giocare nel cortile e all'interno delle aule che li aspettavano con nostalgia. È da maggio che noi maestre abbiamo iniziato questo percorso, non sempre facile, di pratiche burocratiche e sanificazione per riaprire in sicurezza l'asilo. Non è stato difficile fare questa scelta quando finalmente il governatore del Veneto ha permesso alle scuole dell'infanzia di riaprire i cancelli come Centri Estivi, e noi ci siamo buttate a capofitto per realizzare questo "sogno". Il 1° Luglio alle ore 8:00, anche un po' prima, ha iniziato a suonare il campanello con l'arrivo della prima bimba: Adriana, talmente emozionata che, ci dice la mamma, al mattino non ha nemmeno fatto colazione per arrivare a scuola presato e "riabbracciare" maestre e amici. E noi maestre altrettanto impazienti e raggianti abbiamo aperto e accolto mamma e figlia in uno scenario che sa un po' dell'incredibile. Ma ...ce l'abbiamo fatta! Abbiamo preparato la postazione di "Triage", abbiamo tapezzato di cartelloni pareti cancelli ed alberi, per informare genitori e bambini sulle pratiche necessarie ed obbligatorie per muoversi in sicurezza.

Il nostro Centro Estivo quest'anno, si è organizzaro per accogliere 23 bambini che sono stati divisi in tre gruppi: Leoni, Leonesse e Zebre. Il gruppo dei Leoni è composto da 8 bambini dai 6 agli 8 anni; il gruppo delle Leonesse è composto da 8 bambine dai 6 agli 8 anni e infine il gruppo delle Zebre è composto da 2 bambini e 5 bambine dai 3 ai 5 anni. Abbiamo accolto ogni bambino misurandogli subito la temperatura e igenizzandogli le mani. Hanno poi giocato in cortile fino all'ora della merenda che, divisi per gruppo ma sufficientemente vicini e dopo un breve ringraziamento al Signore, hanno condiviso mangiando dei biscotti. Quindi, per gruppi, sono entrati in classe, dopo aver sanificato le scarpe e lavato le mani, e hanno lavorato con entusiasmo. Siamo quindi usciti nuovamente in attesa del pranzo che, questa volta è arrivato già in monoporzioni, ma vi assicuro che era  caldo, profumato e buono ugualmente (l'ho assaggiato personalmente e devo dire che ero un po' diffidente verso questo tipo di servizio che invece si è rivelato ugualmente all'altezza di una scuola dell'infanzia!).

Dopo pranzo i bimbi sono usciti in giardino per un po' per poi salire alcuni in dormitorio altri in salone (adibito a dormitorio per l'occasione e per far rispettare le distanze di sicurezza tra una brandina e l'altra) dove hanno riposato tutti. Dalle 14:30 alle 15:00 si sono svegliati e sono usciti in cortile per far merenda ed aspettare, giocando, l'arrivo del loro genitore (categoricamente uno per bambino come vuole il protocollo). Devo dire che, riaprire la scuola e tornare a riaccogliere i bambini dopo 4 mesi di chiusura è stato veramente emozionante. Questa lunga sospensione delle lezioni in presenza ci ha veramente colte di sorpresa e costrette a riflettere sulla fortuna che si ha quando si riesce a stare vicini alle persone a cui teniamo, che ci sono state affidate per curarle e amarle affinchè crescano sicure e felici in questo mondo che si è rivelato all'improvviso fragile e instabile. Mi sento di ringraziare il Signore che con il suo infinito amore ci ha aiutate a sopportare la distanza e a riempire i vuoti che, anche se sono sembrati una vacanza, in realtà hanno segnato  profondamente le nostre vite ma soprattutto quelle dei nostri bimbi. Guardiamo ora avanti, al futuro, sperando che ci serbi solo gioia e serenità, salute e forza di spirito per tornare a riabbracciarci veramente e a volerci bene più di prima.
 
Maestra Cristina

SUORE DELL'ASILO: IL LORO ISTITUTO HA 145 ANNI

Nel 2020 ricorrono i 145 anni dalla fondazione dell'Istituto delle Suore Riparatrici del Cuore di Gesù. Ringraziamo il Signore per il dono delle suore: per la loro preghiera e per il prezioso lavoro che esse compiono nella chiesa in Italia e nel mondo intero. Lo ringraziamo in modo particolare per quanto le nostre suore fanno nella nostra scuola dell'infanzia e in tante altre attività importanti della vita della nostra comunità parrocchiale. Da ormai 20 anni il nostro Asilo Parrocchiale è infatti affidato alle Suore "Riparatrici del Sacro Cuore”, subentrate nel 1999 alle Suore di Maria Bambina (alla cui fondatrice Bartolomea Capitanio è, per questo motivo, intitolato l'Asilo). I loro compiti sono indirizzati principalmente all'insegnamento dell'educazione ai valori cristiani alla gioventù e quindi operano in particolar modo nelle scuole materne, insegnano catechismo nelle parrocchie e molte di loro sono inviate in missione, in India, Filippine, America Latina. La loro casa-madre è a Roma; li hanno studiato e si sono diplomate. La loro fondatrice, Isabella de Rosis (nel ritratto a fianco), è nata  il 3 giugno 1842 a Rossano Calabro (Cosenza). Visse, operò e morì a Napoli.  I suoi genitori Domiziano  e Gabriella Berlingeri appartenevano alle migliori famiglie di Rossano e di Crotone; Isabella sin da bambina era incline alla pietà, che riuscì a coltivare nonostante le difficoltà frapposte dall’ambiente familiare. A 10 anni entrò nel convitto del monastero di S. Chiara a Napoli, dove restò dal 1853 al 1860, completando così la sua formazione. A 19 anni, nel 1861, ritornò in famiglia, però con l’intento di abbracciare lo stato religioso, con l’opposizione dei genitori. Nel 1869, a 27 anni, Isabella entrò come postulante tra le Figlie della carità a Napoli e da lì trasferita a Parigi, che lasciò dopo due anni per motivi di salute. 

Dopo un breve periodo trascorso a Rossano, ritornò a Napoli per curarsi, mentre,  nel contempo, cercava di essere ammessa in qualche istituto religioso. Nella sua vana ricerca, maturò in lei l’idea di fondare un istituto di riparatrici, cominciando ad attuarla nel 1875; nel mese di ottobre, l’arcivescovo di Rossano mons. Pietro Cilento imponeva  il velo alle prime postulanti del nuovo istituto, che prese il nome di “Suore Riparatrici del Sacro Cuore”, al quale la fondatrice volle imprimere il carattere di riparazione, ma nel contempo anche di attività religiosa, educativa e caritativa. La prima grande prova che colpì la congregazione fu l’epidemia di colera del 1884, che colpì con violenza Napoli e la provincia e in parte tutto l’ex regno delle Due Sicilie. La situazione di Napoli città era particolarmente miserevole per il sussistere nel contesto urbano di grotte, fondaci, sotterranei, che nei quartieri popolari e poveri, davano un triste spettacolo di squallore, di miseria, con strade sporche e buie, case cadenti, mortalità infantile e malattie infettive elevate; ma soprattutto per la mancanza di una adeguata rete di distribuzione dell’acqua potabile.  

Negli anni intorno al 1890, il morbo fu debellato, grazie a quello che fu storicamente chiamato “Risanamento”. Ma nel 1884 e anni seguenti, i morti furono molti, e anche le Suore Riparatrici del S. Cuore si ridussero ai minimi termini: la stessa fondatrice madre Isabella De Rosis fu colpita dal colera riuscendo però  a guarire. Rimessasi in salute, riprese la sua opera con maggiore impegno di prima, fondando sulla collina del Vomero un grandioso santuario, poi ceduto ai salesiani e oggi parrocchia salesiana del Sacro Cuore. La congregazione, passata la bufera, prese incremento e si estese in tutte le regioni dell’Italia Meridionale, giungendo anche in America Latina. Il 2 luglio 1906 fu emanato dalla Santa Sede il decreto per il suo riconoscimento. Nel 1909,  madre Isabella De Rosis subiva un’altra grave prova: un visitatore apostolico inviato da Roma per un controllo fu abbastanza severo con la fondatrice chiedendone non solo le dimissioni, ma anche la destituzione e la relegazione. Madre Isabella che, pur erede di un ricco patrimonio, si era distaccata da tutto, per offrirsi come vittima di olocausto al S. Cuore di Gesù, sentendosi ispirata a riparare le offese che il Signore riceve dai peccatori e a perpetuare nella Chiesa lo spirito di riparazione, accettò di vivere ed offrire al Signore una lunga serie di umiliazioni, amarezze, incomprensioni e  sofferenze, che ne minarono le forze. Ricolma di meriti rendeva la sua anima a Dio l’11 agosto 1911 a Napoli, all’età di 69 anni; fu tumulata provvisoriamente nel cimitero cittadino di Poggioreale e poi da lì nella chiesa dell’istituto, situato nel panoramico Corso Vittorio Emanuele. La fama della sua santità e le grazie dispensate mossero l’arcivescovo di Napoli, card. Alessio Ascalesi, ad aprire nel 1934 il processo diocesano per la sua beatificazione, che chiuso dopo 20 anni, procede nelle fasi finali presso la congregazione romana per le cause dei santi.

 DOMENICA 1O: AUGURI ALLE MAMME DAI BIMBI DELLA MATERNA 


Domenica 10 Maggio ricorre la festa della Mamma 2020: così sia i nostri sacerdoti che i nostri bambini della Scuola dell'Infanzia S.Bartolomea Capitanio - ancora dalle loro case - hanno voluto dedicare un pensiero speciale alle Mamme, con un pensiero speciale per la Mamma di tutte le Mamme, alla quale è dedicato il mese di Maggio. Tra i "fondatori" di questa festa don Otello Migliosi, un sacerdote di Assisi: nel 1959 la ricorrenza diventò ufficiale e per qualche anno venne festeggiata l’8 maggio per poi essere spostata alla seconda domenica dello stesso mese. Buona visione!

 28/4: SCUOLA DELL'INFANZIA, BRAVISSIMI BAMBINI! 


I bambini della Scuola dell'Infanzia S.Bartolomea Capitanio (Parrocchia S.Barbara), dopo i bellissimi video con gli auguri di Pasqua (li trovate nella pagina della Scuola dell'Infanzia), si sono messi di buona lena... e presentano i loro lavori fatti in quarantena a casa con i loro genitori mentre aspettano.. che la scuola riapra! E noi non vediamo l'ora di rivederli presto: intanto, guardiamo assieme questa serie di bellissimi oggetti.. e di bellissimi ed orgogliosi sorrisi, che ci danno tantissima energia e la speranza che il mondo che li attende sia migliore... e lo sarà davvero, grazie a loro!

 MATERNA: BUONA PASQUA DAI BIMBI.. E DAI "DON" (parte 2^) 


Un bellissimo videomessaggio dei nostri bambini della Scuola Materna "S.Bartolomea Capitanio" - che si aggiunge a quelli già pubblicati nei giorni scorsi - e il toccante "grazie" dei nostri sacerdoti: don Valter e don Guido. Ci uniamo negli auguri a tutti loro, che la luce nei loro occhi e nei loro cuori diventi la nostra guida! Un ringraziamento ai bambini per il loro impegno, alle suore e ai nostri sacerdoti, ai genitori che hanno collaborato alla realizzazione di questo video. Buona Pasqua, ragazzi!

 GLI AUGURI DEI BAMBINI DELL'ASILO AI NOSTRI SACERDOTI... 

Un videomessaggio da parte dei bimbi della Materna S.Bartolomea Capitanio: nei loro occhi e nelle loro parole un sogno, un messaggio, una speranza e tanta energia: un mondo di pace, di bellezza, di amore. L' occasione per dirlo "ai grandi" sono gli auguri di buona Pasqua ai loro sacerdoti don Guido e don Valter.. e a tutti coloro che vogliono loro bene. Grazie, "ragazzi": faremo di tutto perchè questa vita segua le Vostre aspettative. I bambini appaiono in video per esplicita autorizzazione alle riprese fornita dai genitori, che ringraziamo per aver condiviso con noi questa gioia.

 ... E ANCHE I SACERDOTI MANDANO A TUTTI I LORO AUGURI! 

don Guido e don Valter, parroco emerito e parroco titolare di Santa Barbara, ci tengono a mantenere un legame con i piccoli ospiti della Scuola Materna S.Bartolomea Capitanio: il nostro Asilo parrocchiale, purtroppo, manca del loro entusiasmo da ormai 5 settimane per la fin troppo nota situazione che ci costringe, tra l'altro, ad una Pasqua.. virtuale. Però questi sono auguri veri, genuini, affettuosi: il modo con il quale don Guido, don Valter e suor Juliana - direttrice della scuola - salutano tutti i bimbi augurando loro una Pasqua serena.. e di grande energia! A presto, bambini!!!