IL NUMERO 4/2023 DI "VOCE AMICA" 

Cliccando qui sotto o dal menù, si accede a Voce Amica, il foglio della parrocchia. Potete scaricarlo, chiedere di riceverlo via mail. 

I FOGLIETTI DELLA MESSA

Grazie all'accordo con l'Editoriale San Paolo, che ringraziamo, pubblichiamo i foglietti "La Domenica" in formato scaricabile

I TESTI DEI CANTI 

Nella pagina "canti e letture" trovi i canti delle S.Messe: leggili dal tuo smartphone, scegliendo il numero che appare sul visore in chiesa. 

SABATO 4 IL PATRIARCA FRANCESCO IN PELLEGRINAGGIO ALLA GAZZERA

La nostra Diocesi vive da molti anni un momento di preghiera comune il primo sabato di ogni mese, abitudine prudentemente interrotta solo durante il tempo di pandemia. Con la presenza del Patriarca Francesco in questi appuntamenti si prega assieme il rosario, in maniera particolare per le vocazioni, e si celebra l’eucarestia. Il pellegrinaggio mariano mensile diocesano si svolgerà 4 febbraio alle 7.30 presso la Chiesa di S.Maria Ausiliatrice alla Gazzera: dopo la recita del rosario in chiesa, seguirà la S. Messa presieduta da S.E. il Patriarca, seguirà una colazione informale. 

DOMENICA 5: 45^ GIORNATA PER LA VITA

Domenica 5 ricorre la 45^ Giornata per la Vita, quest'anno dedicata al tema «La morte non è mai una soluzione. “Dio ha creato tutte le cose perché esistano; le creature del mondo sono portatrici di salvezza, in esse non c’è veleno di morte” (Sap 1,14)». L’auspicio dei Vescovi è che questo appuntamento “rinnovi l’adesione dei cattolici al ‘Vangelo della vita’, la capacità di promuovere e sostenere azioni concrete”. Protagoniste della Giornata sono quindi le parrocchie: Sul sagrato della chiesa verranno vendute piantine di primule.

SABATO  11 GIORNATA MONDIALE DEL MALATO: S.MESSA COL PATRIARCA

Sabato 11 Febbraio alle 10:30, ricorrenza della Madonna di Lourdes, il Patriarca Francesco presiederà la S. Messa celebrata per tutti i malati. All’interno della celebrazione, curata dall’UNITALSI, sarà conferito anche il sacramento dell’unzione degli infermi. "La malattia fa parte della nostra esperienza umana. Ma essa può diventare disumana se è vissuta nell’isolamento e nell’abbandono, se non è accompagnata dalla cura e dalla compassione", scrive Papa Francesco nel messaggio che accompagna questa giornata. 

OL MORAN: DIECI ANNI DI ACCADEMIA TUMAINI, APRE LA SCUOLA SECONDARIA JUNIOR

L'amore per Cristo arriva ovunque e sappiamo che amore, dedizione e bontà possono molto, in tutto il mondo: la Scuola Parrocchiale Tumaini Academy di Ol Moran, nella missione guidata dal sacerdote mestrino don Giacomo Basso, ha infatti aperto il nuovo Anno Scolastico. Sono infatti iniziate le lezioni alla scuola secondaria junior Tumaini. Da questa settimana, la scuola è in grado di accogliere anche i primi studenti della 7^ elementare della scuola secondaria di primo grado. La Tumaini Academy offre ora asilo nido, scuola primaria e secondaria inferiore per ragazzi e ragazze, comprensiva di pensione. Materie facoltative della scuola sono il mandarino (lingua cinese) e le arti dello spettacolo. Ieri, martedì 31 gennaio, la scuola si è riunita per la Santa Messa, aprendo il nuovo anno con una speciale preghiera di benedizione. Anche l'Accademia Tumaini compie 10 anni dal suo inizio nel gennaio 2013. Il nostro Vescovo Joseph Mbatia presiederà una speciale Celebrazione venerdì 17 febbraio, e inaugurerà i nuovi edifici del Centro di Accoglienza e Soccorso: l'Aula Magna e il secondo Dormitorio, che vediamo ormai completati nelle immagini che ci giungono da Ol Moran. una crescita resa possibile dalle tante mani che hanno aiutato, comprese quelle generose della nostra Parrocchia. (ringraziamo Marina Beneforti per il contributo).

PENSIERO DELLA SETTIMANA dal 29 Gennaio al 4 Febbraio - di don Carlo Seno

I primi capitoli del Vangelo di Marco, che ci accompagnano nella celebrazione della Messa feriale in questo inizio del Tempo Ordinario, ci guidano a riconoscere il mistero del Figlio di Dio, uomo come noi, che entra nel dramma della nostra umanità ferita, per salvarci. Questa Sua missione è un dramma anche per Lui: combatte duramente e decisamente, con “indignazione e tristezza”, contro la “durezza di cuore” di coloro che rifiutano la Verità, ma è come attratto dalla nostra sofferenza, per sollevarci dalle conseguenze del male; è misericordioso e paziente di fronte all’invadenza di quelli che cercavano solo un soccorso terreno, ma è fermo nel proclamare che la Salvezza passa per la Via della Croce, per Lui e per noi. Dobbiamo comprenderlo ed amarlo nella sua fermezza, noi che Lo invochiamo e Lo crediamo vicino nella tenerezza della sua misericordia. La nostra sicurezza e la nostra pace è tutta nelle sue mani, anche quando dobbiamo ancora imparare, come Maria. Un caro salutodon Carlo Seno

INIZIATA LA "SCUOLA DI PREGHIERA" DI S.BARBARA.

Si è svolto martedì 24 Gennaio il primo incontro della "Scuola di Preghiera" con letture, riflessioni, adorazione. L'idea del Consiglio Pastorale è di farlo diventare un appuntamento fisso: dedicare cioè un'ora al mese - sempre di martedì alle 20,45 - in cui fermarsi ad ascoltare la Voce del Signore grazie alle letture, comprenderle, meditarle e imparare, per approfondire e continuare "il ritmo della preghiera", come amava dire il caro don Guido. Ma cosa significa pregare, a cosa serve, come si fa? “Un giorno Gesù si trovava in un luogo a pregare e quando ebbe finito uno dei discepoli gli disse – Signore, insegnaci a pregare, come anche Giovanni ha insegnato ai suoi discepoli.” (Lc 11,1) La "Scuola di Preghiera" è questo: "un'ora per leggere, capire, scoprire come Cristo agisce nelle nostre Vite e come può cambiarle": La lettura e la preghiera possono cioè diventare scuola, esempio vivo in grado di aprire molte vie nelle nostre coscienze, nel nostro essere cristiani, uomini e donne parte di una comunità viva che riconosce Cristo, si riconosce nella Sua voce ed è in grado di mettere in pratica i Suoi insegnamenti. Impareremo (o reimpareremo) a pregare ed ascoltare: sono i primi passi di ogni Figlio di Dio per aiutare gli altri. L'articolo completo sull'iniziativa è pubblicato sul settimanale diocesano Gente Veneta e al più presto ritorneremo sull'argomento con le parole di don Valter, che ha impostato il lavoro grazie anche alla sua esperienza nel campo formativo quale direttore dell'ufficio catechistico diocesano e della scuola di Teologia San Marco Evangelista.

ESTATE IN MONTAGNA: ISCRIZIONI DAL 19 FEBBRAIO

Domenica 19 Febbraio alle 11 inizieranno le iscrizioni per le tradizionali Vacanze estive presso la villa "S.Maria Ausiliatrice" di S.Vito di Cadore, che si svolgeranno dal 2 all'8 Luglio (per i ragazzi dalla 3^ Media alla 3^ Superiore) e dal 9 al 15 Luglio (dalla 2^ elementare alla 2^ media). E' prevista pensione completa di viaggio in pullman, colazione, pranzo, cena, merenda e spese: La quota di quest'anno (con agevolazioni per famiglie con più figli o in difficoltà) è di 250 € a ragazzo. Gli interessati possono contattare la Parrocchia (Mariateresa, Stefania o il parroco) direttamente. Ulteriori informazioni verranno diramate in seguito. 

RETE E CYBERBULLISMO: "IMPORTANTE E' UNA CORRETTA INFORMAZIONE"

Cellulari, tablet, computer: i nostri figli li usano molte ore al giorno e un adolescente arriva ad usarlo sei ore al giorno. Cosa dobbiamo fare? Ce lo ha spiegato Venerdì 20 Gennaio la Dottoressa Elisa Vendrame, psicologa esperta in psicopatologia dell'apprendimento e delle dipendenze tecnologiche, ospite della Sala "Luciani" e di una platea attenta. "Demonizzare il mezzo tecnologico non è la risposta: la tecnologia ci ha dato molto, ma come genitori dobbiamo preoccuparci di essere informati, consapevoli ed aggiornati, senza dover 'inseguire' i nostri figli che, essendo nativi digitali, assorbono l'uso della tecnologia con più facilità". Con l'aiuto di alcuni audiovisivi, la Dottoressa Vendrame ha illustrato i meccanismi con i quali i social carpiscono la fiducia ma anche le emozioni degli utenti, sfruttando la dipendenza da quegli stimoli come i like, le visualizzazioni che generano dopamina, un neurotrasmettitore più noto come ormone dell'euforia. Emozioni, insomma, talvolta pericolose: una sorta di dipendenza, individuata tra le cause di disturbi dell'attenzione (DSA). Al termine dell'interessante serata, organizata dal Prof. Enrico Pavanello e dalla Dott.ssa Marina Beneforti, la Dottoressa Vendrame ci ha concesso questa interessante intervista, curata dalla nostra redazione. L'articolo completo su Gente Veneta del 26 Gennaio.

BENEDIZIONE DEGLI ANIMALI

Domenica 22 Gennaio si è svolta sul sagrato della Chiesa la partecipata benedizione agli animali domestici: una tradizione ripresa dal nostro parroco già lo lo scorso anno e ripetuta oggi. Il loro protettore, S.Antonio Abate, ricorre martedì 17, e per convenzione è stata scelta per questa cerimonia la prima domenica successiva. don Valter ha ricordato il passo della Genesi che narra la creazione degli animali: le Scritture sono peraltro ricche di riferimenti al mondo animale. Gli animali - tutti, non solo quelli domestici - rientrano nell'opera del Creatore: il Signore contempla tutti quegli esseri che nascono dalla Sua sapienza e dal Suo amore, “e Dio vide che ciò era buono” (Gen 1, 10). Siamo benedetti perché creati, siamo benedetti ancora di più perché siamo ricreati: Dio “ci ha benedetti e ci ha colmati delle benedizioni dello Spirito, in Cielo, in Cristo” (Ef 1, 3). Il Cantico dei Tre giovani invita a lodare il Cielo e la Terra, "le bestie e gli stormi, i pesci del mare e gli uccelli dell’aria" (Dan 3, 51-90). Il Cantico delle Creature di San Francesco d’Assisi gli fa eco, e ancor più la sua predicazione agli uccelli, il suo dialogo con suor cicala e con frate lupo. La benedizione degli animali è molto usata nella cultura italiana e nella tradizione contadina (per esempio, in diverse località e chiese del Trentino). Nel breve video, il momento dell'aspersione con l'acqua benedetta, cui è seguita la benedizione del sacerdote. 

CONCERTO DI CARNEVALE DEL CORO "IL MONDO NELLA VOCE"

Sabato 11 Febbraio alle 20:45 la nostra sala teatro "Albino Luciani" tornerà ad ospitare un concerto del coro polifonico "Il Mondo nella Voce", diretto dal Maestro Sandra Sofia Perulli: "Carnevale in musica" promette di regalarci momenti di qualità ma anche grande allegria. Il Coro a voci pari femminili, si è costituito nel 2018 e si avvale dell'accompagnamento di due musicisti al pianoforte e alla tastiera. Il maestro Sandra Sofia Perulli è diplomata in chitarra classica presso il Conservatorio ‘B.Marcello’ di Venezia (1988) e nel 1994 ha costituito l'"Ensemble Femminile Italiano", prima orchestra sinfonica in ambito europeo interamente femminile (Ensemble Femminile Italiano) che si è esibito in molti teatri italiani tra i quali il Teatro La Fenice di Venezia.Ha al proprio attivo collaborazione con i programmi  "Palcoscenico" (Rai2) e "Donne in musica" (Rai3). Già direttore principale ospite presso l’orchestra sinfonica di Shumen (Bulgaria), ha lavorato con numerose orchestre italiane e straniere.

LA NUOVA CAPPELLINA: ESPOSTE LE PROVE DI ARREDO

La nuova cappellina è quasi pronta: a breve ci potremo riunire in preghiera e celebrare le S.Messe feriali quando i fedeli sono in numero contenuto, così da limitare le spese di riscaldamento e raffrescamento. Nelle immagini qui a lato, alcune simulazioni dell'arredo, disegnate da un'azienda specializzata: le immagini sono esposte anche in chiesa, nella bacheca. Come già riportato, la Curia Patriarcale - tramite il Vicario Episcopale per gli Affari Economici don Fabrizio Favaro, che ringraziamo - ha stanziato una prima somma di 20.000 Euro che ha consentito di concludere i lavori di realizzazione degli infissi vetrati sulla parte di colonnato che separa questo spazio dall'altare. La cappellina è stata dotata di panche centrali e laterali, presbiterio con crocefisso ed altare per le celebrazioni, ambone/leggio per la proclamazione delle letture. Il completamento sarà possibile entro poche settimane.

16/2: CONTINUA LA FORMAZIONE di "S.O.S. ADOLESCENTI"

Ritornano gli incontri di formazione sull'adolescenza, tema caro alla Pastorale delle Famiglie del Patriarcato di Venezia che ha iniziato nello scorso mese di Dicembre un nuovo ciclo di incontri. E' un percorso rivolto a giovani, educatori, genitori, catechisti e insegnanti con una serie di serate alle quali parteciperanno numerosi e qualificati esperti che ci aiuteranno a conoscere ed approfondire alcuni dei pericoli che possono minare la bellezza e l’originalità degli adolescenti. E' possibile prenotarsi per il terzo incontro di giovedì 16 febbraio ore 20:30 dal tema "Non aprite quella porta! Giovani e religiosità alternative" Sarà possibile partecipare in presenza presso il Seminario Patriarcale (invitati in particolare gli amici di Venezia e isole) e anche online: inviate richiesta a sposiefamiglia@patriarcatovenezia.it. La partecipazione gratuita, specificando cognome/nome e modalità scelta (in presenza o da remoto). Qui il depliant. 

ESERCIZI SPIRITUALI 2023: IL CALENDARIO

Le prossime date degli esercizi spirituali presso la "Casa Maria Assunta" di Cavallino (via Fausta, Venezia): 27-29 gennaio per tutti (adulti e giovani, gruppi, parrocchie, zone, cenacoli) con don Corrado Cannizzaro; 10-12 febbraio per tutti (adulti e giovani, catechisti …) con don Giorgio Scatto; 24-26 febbraio giovanissimi e giovanissime; 10-12 marzo giovani; 24-26 marzo sposi e sposi con figli, con don Paolo Ferrazzo; 28 aprile – 1 maggio possibilità di corso più lungo per tutti con don Giacinto Danieli; 12-14 maggio sposi con figli con mons. Franco Manenti. Iscrizioni: oders@patriarcatovenezia.it oppure compilando il modulo on line raggiungibile qui.

ALTRE NOTIZIE: IN PARROCCHIA, IN COLLABORAZIONE E DALLA DIOCESI

E' ARRIVATA LA BEFANA CON LE CALZE... E L'ESTRAZIONE DELLA LOTTERIA

Venerdì 6, dopo la messa delle ore 10.00, ci siamo ritrovati in sala parrocchiale per l'abituale caffè con dolcetto cui si sono unite la cioccolata calda e bellissime calzette della Befana, cucite a mano e riempite di dolcetti e lavoretti dalle nostre mamme. E nel frattempo siamo riuscite anche a vendere i biglietti rimasti (è stata una vera a propria corsa alla fortuna last-minute!). Infatti alle 11.20 circa abbiamo cominciato la presentazione dei premi e l'estrazione dei fortunati vincitori (il resoconto è in a lato, basta cliccare la foto). Abbiamo anche fatto un po' di conti di quanto ricavato dalle vendite complessive: tra mercatino artigianale, calendari, biglietti della lotteria e festa, fino ad oggi con l'estrazione dei premi: il totale raccolto ammonta a 4.171 € che vanno interamente dedicati alle necessità parrocchiali. Uno sforzo corale durato alcuni mesi, in cui varie anime e generazioni della parrocchia si sono unite e hanno collaborato: dalle ragazze che vendevano biglietti e seguivano il mercatino, alle mamme (e i papà) multitasking che allestivano mercatini e preparavano castagne e cioccolata, fino alle bravissime signore che con gioia hanno donato i loro capolavori fatti a mano. Un grazie a tutti e un arrivederci al prossimo anno!

DOMENICA 8/1: AUGURI, DON VALTER!

Oggi, Domenica 8 Gennaio, il nostro parroco don Valter Perini compie 65 anni. E' il suo settimo compleanno tra noi, il quarto con il compito e la responsabilità di essere Parroco di una Comunità in questi anni sicuramente tra i più difficili, segnati dalla pandemia e dalla perdita di don Guido, condividendo molti cambiamenti anche a livello personale che ha saputo affrontare con una determinazione esemplare e contagiosa. Anche da queste pagine, come hanno fatto i parrocchiani domenica, desideriamo rivolgere al caro don Valter auguri sinceri e ammirati e un importante grazie per l'esempio illuminato di devozione a Cristo, al Suo insegnamento, al suo esempio. Molte cose sono cambiate per merito Tuo, e sappiamo che lavori per costruirne molte altre di nuove, più importanti per noi perché scritte nel segno del Padre. Che ringraziamo di questo dono, infinito, che ricambieremo con le nostre preghiere per Te.
(la redazione web)

IL NUOVO PRESEPE DI SANTA BARBARA: ANDREA MAUCERI RIESCE ANCORA A STUPIRCI!

La consueta estrema attenzione ai dettagli, la ricerca della perfezione e della novità ma - soprattutto - uno sguardo sensibile per l'amore infinito, per la tenerezza della quale Andrea Mauceri ha saputo cogliere anche quest'anno il calore, la delicatezza, la profondità. Nella scena rappresentata quest'anno si coglie nettissima  tutta l'essenza storica, tutto l'esempio di devozione e di abnegazione dei genitori di Gesù. Un'ambientazione studiata per mesi, così come il lavoro svolto dalle luci, dalle distanze. Il tutto è - come ormai tradizione - regolato in modo.. scientifico grazie al computer (mosso da un programma realizzato da un presepista spagnolo e gestito anche da remoto con un'apposita applicazione) che regola l'alternarsi dei vari momenti della giornata: il cielo, le luci, i suoni che ci riportano in quella realtà di Betlemme in modo talmente immersivo che.. si, sembra davvero che Andrea sia riuscito a portarci lì, percorrendo con il cuore e gli occhi i 2400 chilometri che ci separano da quel luogo Santo, qui rappresentato con estremo rispetto, amore, attenzione sempre originale, e dopo quasi trent'anni di presepi è davvero cosa non da poco. "L’ispirazione per questo nuovo presepe" - ci racconta Andrea - "viene sempre dalla narrazione del Vangelo di Luca, con la Natività ambientata in una mangiatoia. Qui si possono notare i primi personaggi che hanno visto la Natività, ovvero i pastori che, con le loro greggi, accorrono alla mangiatoia: alcuni con facce stupite, altri in adorazione, rappresentando così i vari stati d'animo di queste prime persone che si sono trovati di fronte alla scena del Primo Natale. Da sottolineare che anche quest’anno si ripropongono le statue ben realizzate dall’artista Mauro Marcato di Curtarolo (PD), uniche nel loro genere in quanto tutte realizzate artigianalmente, in maniera tale da trasmettere al Fedele spettatore tutta l’unicità e i sentimenti della Santa rappresentazione. Dietro la mangiatoia si intravvede un piccolo borgo della Betlemme di allora, con quinta finale i caratteristici rilievi della città di Betlemme."  29 anni di presepi, ma con Te c'è anche un affiatato gruppo di lavoro. "Si. Anche quest'anno, per il ventinovesimo presepe, sono stato aiutato da alcuni affidabili amici: Andrea Fantini, scenografo di Granarolo dell’Emilia (BO) e Nicolò Celegato, affermato maestro presepista di Selvazzano (PD) per alcune parti della scenografia. Per l'assemblaggio e l'allestimento il grazie va esteso al collaudato gruppo di amici parrocchiani: Marino Ferla, che mi ha assistito fin dall’allestimento dell’impalcato, Alberto Carlon per la parte informatica e Anna Marchiori per gli effetti pittorici, la colorazione e la collocazione delle statue. Però il Grazie più grande va a Don Valter e a tutta la Comunità Parrocchiale, che ripongono ogni anno fiducia in me per la realizzazione di questo fondamentale strumento di preghiera". E' vero che di questo patrimonio ci sono tracce anche in altri presepi?  "Si. Ed è una soddisfazione ed un esempio di valorizzazione: alcuni presepi realizzati qui negli anni scorsi sono stati esposti a Forte Gazzera (17-18 dicembre) per iniziativa del comitato Forte Gazzera, mentre la stalla dell’anno scorso, è stata prestata ai Frati Conventuali della Basilica di Sant’Antonio di Padova, che l' hanno valorizzata in una mostra di più presepi , allestiti lungo le varie cappelle radiali della Basilica."   Il presepe è visitabile tutti i giorni fino al 15/01/2023 con i seguenti orari: mattina 09.00-12.00; pomeriggio 16.30 - 18.00. Non sarà in funzione durante le S.Messe Festive (08.30, 10.00 e 18.30) e feriali (18.30).  Nella sezione dei Presepi del sito, raggiungibile dal link qui sotto, le prime immagini in anteprima e la raccolta dei presepi realizzati nel corso degli anni.


LA LOTTERIA CONTINUA FINO AL 6 GENNAIO

Continua fino al 6 gennaio la tradizionale "Lotteria dell'anno nuovo", iniziata durante la festa di S.Barbara: ricchissimi i premi, con un valore complessivo di oltre 800 Euro. Il biglietto costa 1,50€ (4 biglietti 5€ -8 biglietti 10€). Il ricavato servirà a finanziare le molte necessità ed opere parrocchiali. 1° Premio: tablet Huawei (Display 10,1 ", 4Gb Ram, 64 Gb Rom); 2° Premio: asciugacapelli professionale a ioni, 2400 W (1 diffusore, 3 ugelli styling); 3° Premio: Alexa Echo Dot; 4° Premio: portafoto 20x25, doppia laminatura in argento; 5° Premio: Auricolari Bluetooth 5.2 (portata 15 metri, display led); 6° Premio: Set bellezza (Crema giorno, crema notte, fascia per capelli, beauty case); 7° Premio: vassoio con 4 coppette Yalos Murano; 8° Premio: cesta gastronomica con prodotti di Veneto ed Emilia; 9° Premio: set infusioni (coppia di tazze, cucchiaini-infusori, 2 oli essenziali); 10° Premio: smartwatch (orologio fitness sportivo con cardiofrequenzimetro e contapassi); 11° Premio: sacca trolley sportiva "Ducati Corse"; 12° Premio: messa in piega professionale presso parrucchiera convenzionata; 13° Premio: set occhiali da corsa con lenti intercambiabili; 14° Premio: set prodotti per il corpo Melagrana Bio; 15° Premio: alzata portatorte. 

IL VANGELO, L'ARTE, IL CANTO: RACCONTO DI UN POMERIGGIO CON LA BELLEZZA 

La pittura e il canto ci hanno insegnato nei secoli ad apprezzare l'insegnamento e l'esempio di Cristo. Unirli all'ascolto delle Parole del Vangelo che hanno ispirato artisti e compositori - nell'atmosfera raccolta della Domenica pomeriggio a Santa Barbara - è stata però un'esperienza nuova, formativa, profonda e a tratti sinceramente commovente. Il merito è tutto di quegli 'artisti della voce' riuniti nel coro di Santa Barbara, che hanno scelto con Anna Marchiori i passi del Vangelo più rappresentativi della vita di Gesù "raccontandoli" e accompagnandoli con la suggestione di famose rappresentazioni pittoriche (di tutto il mondo e di tutte le epoche) e con le corde delle voci capaci di sottolineare - ora con intima delicatezza, ora con potenza e spazialità - tutte le suggestioni del Vangelo: dalla gioia dell'Annunciazione alla sofferenza sulla Croce, passando per le scene più incisive della Vita di Gesù: dal suo incantare i dottori della legge nel Tempio, alle reti avare di pesca di Simon Pietro. Un lavoro bellissimo e suggestivo, il cui intento non era tanto la suggestione artistica o l'emozione quanto rendere testimonianza, far conoscere meglio la Vita straordinaria, l'esempio, il solco tracciati da Nostro Signore nella terra e nelle nostre vite. "Vangelo, tra Arte e Musica" è una prova concreta d'amore, a lungo pensata (e più volte rinviata) che speriamo sinceramente sia replicabile, in questo e in altri contesti. Si applaude con convinzione per il meraviglioso regalo che ci è stato fatto, per il lavoro svolto e - non ultima - per la bella e convinta esecuzione del Coro Parrocchiale, la cui raggiunta maturità tecnica merita certamente ben più di un cenno. E il nostro ringraziamento. 

NOTIZIE DA OL MORAN: DOMENICA 11/12 LA RACCOLTA FONDI PER LA COMUNITA' IN KENYA

In questi giorni don Giacomo Basso, parroco di Saint Mark ol Moran, è in Italia per un breve periodo. Marina Beneforti, la pediatra nostra parrocchiana che più volte è stata nella missione in Kenia, ha potuto incontrarlo e ci ha fatto avere questi aggiornamenti sui progetti in corso, nel 25° dalla fondazione della comunità. "La Comunità parrocchiale cresce, formando ed aggiornando i catechisti e i leader delle cappelle: si persegue il sogno-progetto di poter aprire una nuova parrocchia nella zona Nord, dove vivono soprattutto le tribù nomadi dei Pokot, che - essendo le popolazioni piu' disagiate e soggiogabili dalla politica che promette loro terre coltivabili, li spinge ad atti di vandalismo. Il progetto del panificio è partito a luglio, con l'obbiettivo di dare autonomia nell'approvvigionamento del pane per la parrocchia e garantire lavoro. Tra i progetti attivi anche la fattoria e l'orto, con la creazione di un sistema di irrigazione a goccia,sponsorizzata da "Infiniti Ponti" per garantire la coltivazione di verdure ad uso della comunità e fonte di introito per la parrocchia. Nella Scuola Tumaini Academy tra poco inizieranno le scuole medie: con esse la comunità potrà garantire istruzione anche ai membri più grandi. Per rendere accessibile la scuola è già stato portato a termine un dormitorio da 80 posti per le bambine/ragazze, mentre un altro è in fase di completamento. Un progetto che mira alla tutela della sicurezza per i bambini, tanto che sta per ottenere il riconoscimento a Centro antiviolenza." Tanti progetti, Marina... ma il flusso della solidarietà è sufficiente? "Come potete ben capire le spese sono molte. Don Giacomo è sempre molto felice degli aiuti che riceve tramite le donazioni o le raccolte fatte nelle comunità parrocchiali della nostra diocesi. Quest'anno per vari motivi non è stato possibile allestire il consueto Mercatino con gli oggetti di Ol Moran, ma chi vuole può comunque acquistare un piccolo oggetto da tenere come ricordo o da regalare, aiutando così la parrocchia. E' sempre attivo anche il progetto "Adotta una cattedra" per garantire uno stipendio adeguato ai giovani insegnanti che lavorano nella scuola. Per poter quindi sostenere questi progetti ed aiutare la comunità di Ol Moran nell'acquisto di libri e materiale scolastico sempre prezioso, abbiamo pensato con don Valter di organizzare una raccolta di fondi a favore dei nostri amici di Ol Moran. Potete consegnare la vostra offerta anonima in busta chiusa a don Valter o a me, oppure acquistare qualcosa: nella parte del mercatino (aperto le domeniche in Patronato) dedicata ad Ol Moran: tutto ciò che riusciremo a raccogliere verrà poi inviato con bonifico a Don Giacomo. Grazie di cuore per quanto riuscirete a fare!" E.. grazie a Marina Beneforti per il Suo instancabile impegno. 

18/12: "IL RAGLIO DELLA CAPANNA" E' IL NATALE DEI BARBAMOCCOLO

La magia del Natale anche con gli occhi del Teatro, in uno spettacolo per famiglie con uno sguardo sul Natale poetico e originale. Lo ha portato in scena Domenica 18 Dicembre alle 16:30, presso la Sala Teatro "Albino Luciani" la Cooperativa Barbamoccolo di Scorzè in collaborazione con l'Associazione "Il Castello", con testi e regia di Bano Ferrari  e la recitazione dell'attrice Manuela Polacco, che 16 anni fa ha fondato la Cooperativa. "Re Magi, zanzare, mal di pancia, uccellini meccanici, lune permalose, un bue un po’ stordito, giocattoli, porte in faccia … e c’era un cielo come non l’ho mai visto… e sotto questo cielo un asino, anzi un’asina, ci racconta quello che nessuno ci ha mai raccontato", è l'introduzione dello spettacolo. Un modo per avvicinarsi con dolcezza alla nascita di Gesù: la stessa dolcezza di cui sono stati capaci gli animali che hanno riscaldato nella capanna il Santo Bambino. L'evento è organizzato nell'ambito del progetto "Spazi di futuro" promosso dal Coordinamento delle Associazioni di Volontariato della Città Metropolitana di Venezia. 

4 DICEMBRE: LA FESTA DI S.BARBARA, UN RITORNO ALLA NORMALITA'

Domenica 4 Dicembre la nostra Parrocchia ha festeggiato, come tradizione, la Patrona Santa Barbara: un momento molto atteso sia per il valore spirituale e solenne della ricorrenza, sia per gli eventi che tradizionalmente radunano la comunità, quest'anno quasi tutti concentrati nel fine settimana della festa. Un valore speciale anche per il fatto che, dopo due anni, la festa è tornata ad una socialità normale, esente da restrizioni, a parte la pioggia e l'influenza che ha costretto a cancellare l'esibizione del coro "Il mondo della  Voce" prevista per domenica sera. . Si è cominciato alle 15,30 di ieri, Venerdì 2 Dicembre, con la tradizionale S.Messa per i bambini della scuola materna, alla quale hanno partecipato genitori, nonni e parenti. Sabato 3 alle 20,45, in sala teatro, la Compagnia teatrale "La Bautta" ha portato in scena "La Barca dei Comici", un divenrtente spettacolo in tre atti nel quale sono state riprese tre scene di altrettante commedie di Carlo Goldoni: "Le morbinose", "Sior Todaro Brontolon" e "Le baruffe ciosotte" pieces del celebre commediografo veneziano. Domenica giornata dedicata alla nostra Patrona: alle 10 la celebrazione solenne, presieduta dal vicario foraneo di Mestre don Natalino Bonazza, che ringraziamo ancora per aver raccolto l’invito degli influenzati don Valter Perini e don Fabrizio Favaro. Presenti le Rappresentanze d’Arma con i Marinai d’Italia (Santa Barbara è patrona di Marinai, oltre che di Vigili del Fuoco, Ingegneri, Architetti e diverse altre categorie), l’assessore Simone Venturini, il consigliere comunale Rosteghin, i consiglieri di municipalità Rampazzo, Brollo e Mauceri. Nell’omelia un richiamo all’ideale dialogo di don Valter con la Patrona e l’auspicio, nella riscoperta del Dio vivente anche da parte dei giovani, che venga istituita una scuola di preghiera con incontri serali di meditazione sulle scritture. La festa si è poi trasferita in patronato dove - dopo il rinfresco seguito alla messa e l’apertura di pesca e lotteria - nel pomeriggio si sono svolte la “Castagnallegra” con giochi, castagnata, vin brulè, cioccolata: Presenti anche i Vigili del Fuoco, con un loro mezzo speciale del quale hanno mostrato il funzionamento. 

 "DON LUIGI UOMO UMILE, APPARTENEVA VERAMENTE AL SIGNORE". 

Lunedì 7 Novembre, presso la chiesa parrocchiale di Santa Maria Ausiliatrice alla Gazzera (Mestre), il Patriarca Francesco ha presieduto le esequie di don Luigi Stecca, per molti anni parroco della comunità. Nutrita e partecipe la presenza dei fedeli e dei presbiteri alla celebrazione. Nella sua omelia il Patriarca ha voluto ricordare alcuni tratti essenziali della vita sacerdotale di Mons. Secca: "Don Luigi è stato un prete che veramente apparteneva al Signore. Mi ha colpito la cartella personale di don Luigi: per 24 volte ha detto sì. Ha girato tutta la Diocesi: da Venezia a Jesolo, da Campalto a Mestre. I vescovi talvolta chiedono a chi sempre dice sì. Don Luigi è andato sempre dove veniva inviato. Negli ultimi dialoghi ho sempre trovato in don Luigi una persona disposta a fare il passo dell'ultima obbedienza, quella più radicale: staccarci dal nostro corpo. Don Luigi Stecca è sempre stato un uomo di preghiera, fin dal tempo del Seminario,.ma anche un uomo umile che amava prepararsi. La sua presenza nel mondo del lavoro è stata responsabile, qualificata, competente. Un uomo di impegno pastorale. Dove percepiva di non essere all'altezza si faceva aiutare". Nato a  Castelfranco Veneto (Treviso) il 28 luglio 1931, don Luigi venne ordinato presbitero in basilica cattedrale di San Marco il 27 giugno del 1954 dal cardinale Roncalli, futuro san Giovanni XXIII. Dal 1961 al 1965 è stato assistente ecclesiastico delle ACLI. Dal 1971 ricevette l’incarico di responsabile dell’Ufficio della Pastorale del Lavoro (incarico che reggerà fino al 1990). Nel 1977 giungeva a Santa Maria Ausiliatrice della Gazzera, dove esercitò il ministero di parroco fino al 2006. Più volte Vicario Foraneo della Castellana e membro del Gruppo dei Parroci Consulenti, è stato anche membro del Consiglio Presbiterale e della commissione per la Formazione permanente del Clero. Il santo pontefice Paolo VI lo insigniva, nel 1976, del titolo personale di Cappellano di Sua Santità. Coloro che lo desiderano, possono contribuire - in luogo di omaggi floreali - al sostegno della scuola dell'Infanzia S.Giovanni Bosco e S.Domenico Savio (Iban: IT 74U 070840200 2000000 351662 intestato a Parrocchia S.Maria Ausiliatrice). Le Parrocchie della Collaborazione si uniscono alla preghiera della famiglia e di quanti gli hanno voluto bene.

BANCA PREALPI-SAN BIAGIO: UN RINGRAZIAMENTO SPECIALE

Il Consiglio per gli Affari Economici della Parrocchia desidera rivolgere un sentito ringraziamento alla filiale di Mestre della BANCA PREALPI SANBIAGIO per il contributo di € 1.600 devoluto a sostegno dell’organizzazione del nostro Grest, conclusosi con successo lo scorso mese di luglio e che ha visto la partecipazione di più di 80 tra bambini e ragazzi. In particolare, in questo delicato periodo di ripresa post pandemia, la BANCA PREALPI SANBIAGIO si è dimostrata sensibile e pronta ai bisogni della nostra Parrocchia. Esprimiamo quindi nuovamente riconoscenza per la sensibilità dimostrata ed il sostegno economico dato. Il Presidente della Banca, Carlo Antiga, ha commentato: “Anche quest’anno confermiamo il nostro sostegno verso i soggetti promotori di Grest e centri estivi. Gli sforzi e i sacrifici che hanno dovuto compiere in questi due anni, assieme alle famiglie e ai genitori, sono stati enormi. Ciononostante il loro impegno sociale è andato a beneficio di tutta la comunità. Ma non si tratta di un’iniziativa isolata da parte di Banca Prealpi SanBiagio, perché si sviluppa in un contesto che vede l’Istituto in prima fila con molte attività pensate per i giovani e la loro formazione: dalla collaborazione con le scuole per l’ampliamento della offerta formativa e l’acquisto di attrezzature per la didattica, al regalo dei kit di cancelleria, all’educazione etica e finanziaria attuata attraverso la collana di fumetti Alex Dream”. La sede di Mestre della banca - 69 filiali nel triveneto - si trova in Viale Ancona, 13 ed è aperta dal lunedì al venerdì dalle 8.25 alle 13.15 e dalle 14.40 alle 16.40.

PARROCCHIASANTABARBARA.NET

I contenuti di questo sito non rappresentano “prodotto editoriale” come definito dalla Legge 62/2001 e non sono applicabili le disposizioni della Legge 106/2004 e del D.P.R. 252/2006 in materia di Editoria. La Parrocchia non sostiene alcun costo di mano d'opera per la gestione, la manuntezione o l'aggiornamento del sito. Tutte le collaborazioni vengono prestate a titolo  volontario e gratuito. Altre informazioni sono reperibili cliccando qui. 


MAIL: redazioneweb@parrocchiasantabarbara.net
RECAPITO: Tel. 333.385.000.2  
Recapiti della Parrocchia:  a fondo pagina o sulla pagina "Contatti".

LA PRIVACY, I DATI SENSIBILI E IL NUOVO REGOLAMENTO EUROPEO

Iil 25 Maggio 2018, è entrato in vigore il GDPR, cioè il nuovo Regolamento europeo sulla protezione dei dati personali. In pratica, nessuno potrà trattare in alcun modo i nostri dati senza prima aver ottenuto il nostro consenso. Chiunque dovrà spiegarci in modo chiaro cosa vuole farne e per quanto tempo intende conservarne copia. Sia un social network, un sito tramite il quale prenotare un visita medica o un portale di commercio elettronico. 

E' bene sapere che anche il proprio credo religioso è un "dato sensibile" e per questo desideriamo chiarire: nè il sito nè l'archivio di Santa Barbara raccolgono alcuna informazione riguardo all'identità di coloro che accedono al sito. Allo stesso modo, tutte le comunicazioni di posta elettronica sino ad oggi inviate al nostro indirizzo sono state cancellate perchè non abbiamo alcun motivo di trattenerle, Anche la parte relativa ai "cookies" (ovvero: i piccoli files di sistema, del provider del sito o degli esterni di cui pubblichiamo collegamenti, ad esempio i video su youtube) è stata aggiornata in modo da essere coerente alla nuova normativa. Per chi desidera approfondire la normativa, in questo link riportiamo la normativa completa, Per ulteriori informazioni scriveteci all'indirizzo redazioneweb@parrocchiasantabarbara.net.

IN BREVE

IL PORTALE DELLA COLLABORAZIONE

E' online il portale web della nostra Collaborazione Pastorale, www.collaborazionepapaluciani.it.  Uno strumento che permette di trovare, tutti assieme, i dati più utili e immediati delle tre Parrocchie (orari delle messe, recapiti, e-mail e molte altre informazioni) e consente una efficace condivisione degli appuntamenti comuni e degli eventi principali delle singole realtà.

IL LIBRO CON LA NOSTRA STORIA

Non nobis Domine - sessant'anni di fede attraverso la storia di una comunità” è il titolo del libro (164 pagine, 200 tra foto e documenti) disponibile in chiesa (con offerta libera di 5 Euro per le spese di stampa) che racconta, con documenti inediti e a carattere storico, i sessant'anni di storia della Parrocchia. Il lavoro è anche sfogliabile e scaricabile dalla sezione di archivio storico del nostro sito parrocchiale.